Recupero SSD

 

In elettronica ed informatica un'unità a stato solido o drive a stato solido (in siglaSSD dal corrispondente termine inglese solid-state drive) è una tipologia di dispositivo di memoria di massa basata su semiconduttore, che utilizza memoria allo stato solido (in particolare memoria flash) per l'archiviazione dei dati, anziché supporti di tipo magnetico come nel caso dell'hard disk classico.

Ne consegue che l'altra importante differenza con i classici dischi è la possibilità di memorizzare in maniera non volatile grandi quantità di dati, senza l'utilizzo di organi meccanici (piatti, testine, motori ecc.) come fanno invece gli hard disk tradizionali. La maggior parte delle unità a stato solido utilizza la tecnologia delle memorie flash NAND, che permette una distribuzione uniforme dei dati e di "usura" dell'unità.

 

 

I singoli chip NAND contenenti le informazioni dell'utente sono coordinati dal "controller" del drive SSD. Il controller distribuisce e spesso cripta le informazioni in ogni singola cella di memoria secondo un suo criterio, variabile per ogni tipo di controller e marca di SSD.

Per questo motivo, il recupero di un supporto SSD non funzionante è molto complesso e non sempre possibile.

In caso di danneggiamento del controller, l'SSD ha bisogno di essere sottoposto ad un'analisi approfondita da parte di personale specializzato per poter verificare la fattibilità di un intervento di recupero.

Sempre a causa della complessità delle operazioni, non è previsto un range definito di prezzi per il recupero, ma verrà emesso un preventivo al termine dell'analisi preliminare gratuita.

Anche per i supporti SSD è quindi possibile richiedere un preventivo gratuito, o contattarci tramite email, telefono o chat.